ARRIVA IL CANE A CASA: come prepararsi e cosa fare

Articolo a Cura di Valeria Rapezzi

Hai deciso di portare a casa un cane, in questo breve articolo ti darò qualche indicazione su come poterlo accogliere al meglio e trascorrere i primi giorni assieme in serenità.


Come devi organizzarti a casa, per avere tutto il necessario per il tuo amico a 4 zampe?



Ecco un piccolo elenco di articoli da acquistare in anticipo, in modo che il tuo cane possa trovare una casa accogliente, che vada incontro alle sue esigenze:

1) Una cuccia: il riposo è fondamentale, è molto importante scegliere un luogo adatto per posizionare la cuccia. Possibilmente dovrebbe essere in una zona non di passaggio, per evitare di disturbare in continuazione il sonno del cane, ma non troppo isolato. Per le prime notti potrebbe essere necessario dormire accanto al cane, quindi potresti scegliere di tenere la cuccia in stanza con te, oppure potresti dormire tu sul divano, se preferisci tenere la cuccia in salotto. Per quanto riguarda il tipo di cuccia, puoi sbizzarrirti, tenendo presenti le esigenze del tuo cane in funzione della sua età e stato fisico. Un cane anziano o con qualche problema articolare, ad esempio, potrebbe avere bisogno di una cuccia più confortevole, che sostenga le articolazioni. Cani molto calorosi potrebbero preferire un tappetino o una coperta ripiegata.
Puoi anche prevedere 2 luoghi distinti per il riposo, ad esempio uno in zona notte e uno in zona giorno, a seconda delle dimensioni della casa e delle abitudini famigliari.

2) Le ciotole: un altro momento di estrema importanza è il pasto. Ricordati anche che il cane deve avere sempre una ciotola di acqua fresca a disposizione. Le ciotole dovrebbero essere di adeguate dimensioni in rapporto alla taglia, e in materiale facilmente lavabile.
Se il tuo cane è giovane o molto vivace, evita ciotole che possano rompersi facilmente (es. in ceramica), e privilegia ciotole resistenti (es. acciaio inossidabile).
Meglio avere 2 ciotole separate, una per l’acqua e una per il cibo, così da poter lavare e riporre la ciotola del cibo a fine pasto.

3) Guinzaglieria: è probabile che il cane arriverà già abituato a qualche tipo di strumento. Ad ogni modo, personalmente consiglio di utilizzare una pettorina ad H, della giusta taglia per il tuo cane, con un guinzaglio con doppio moschettone, che all’occorrenza possa essere allungato (se le condizioni ambientali lo consentono).
Se il cane non tira al guinzaglio, potrai usare anche un collare fisso, al posto della pettorina.

4) Giochi: il gioco è importante perché aiuta a stimolare emozioni positive e facilita l’apprendimento. Se hai l’occasione di conoscere un po’ il tuo cane, prima di portarlo a casa, potrai scegliere in anticipo dei giochi che gli piacciano, per poter giocare con lui. Altrimenti sarà una bella scoperta che farete assieme, giorno per giorno.

5) Altri accessori: ricordati che, durante le passeggiata, dovrai pulire dove il tuo cane sporca. Non farti trovare impreparato e procurati subito dei sacchettini per la raccolta delle deiezioni.
Sarà molto utile anche avere un piccolo kit per la toelettatura casalinga: asciugamani da usare in caso di pioggia o dopo un bagno, shampoo adatto al tipo di pelo del tuo cane, spazzola e/o pettine (anche questo da scegliere in base al tipo di mantello) ed eventuali antiparassitari, dietro consiglio del medico veterinario.


L’arrivo a casa: cosa fare per accoglierlo al meglio

Quando andrai a prendere il tuo cane, in allevamento, rifugio o dalla precedente famiglia, non andare da solo. L’ideale sarebbe essere almeno in 2 persone, così che uno guidi e l’altro possa fare compagnia al cane e controllare che non si agiti troppo o stia male durante il primo viaggio in macchina.
Appena arrivato a casa, cerca un’area tranquilla, con un po’ di verde e fallo annusare. Potrebbe avere la necessità di sporcare e di capire dove si trova. Non correre subito in casa, salvo esigenze particolari. Ricordati di procedere con calma.

Una volta dentro casa, lascia il tempo al tuo cane di guardarsi attorno e annusare l’ambiente. Potrebbe essere spaesato, soprattutto se non è mai stato in un appartamento, o se non ci entrava da parecchio. Assicurati di mostrargli la sua cuccia e la ciotola dell’acqua, ma poi lascia lo tranquillo.
Evita visite di parenti e amici per alcuni giorni, lasciagli il tempo di capire da chi è costituita la sua nuova famiglia e di sentirsi a suo agio nella nuova casa.



Le presentazioni con altri animali



Se hai già altri animali a casa, prenditi tutti il tempo necessario per fare le presentazioni. Se hai uno o più cani, l’ideale sarebbe far conoscere loro il nuovo arrivato prima di portarlo a casa, con una conoscenza e inserimento graduale.
Una volta a casa, assicurati che ogni cane abbia il suo spazio, e che sia rispettata la privacy e tranquillità di tutti, sia nei momenti di riposo che durante i pasti.

Se hai in casa altri animali, organizza gli spazi in modo che sia possibile gestirli separatamente, se necessario. Nel caso della presenza di gatti in casa, ad esempio, puoi usare un cancellino per tenere uno spazio ad uso esclusivo dei gatti, e prevedere degli spazi sopraelevati (mensole, mobili ecc) per consentire ai gatti di spostarsi per casa senza per forza entrare in contatto con il nuovo cane, se non lo desiderano.



Come organizzarsi con le passeggiate



Per le prime settimane, tu e il tuo cane dovrete ancora conoscervi e instaurare una relazione di fiducia. Cerca di fare passeggiate in posti che lo facciano sentire tranquillo e a suo agio, non esporlo a pericoli o situazioni che potrebbero spaventarlo, e liberalo solo in condizioni di sicurezza. Potrebbe non conoscere il suo nome, e sicuramente non conosce ancora bene te. Non dare per scontato che torni sempre al richiamo, soprattutto se dovesse spaventarsi per qualcosa.

Il numero e la durata delle passeggiate è soggettivo, in funzione dell’età del cane ma anche di dove vivete. Se il tuo cane è adulto e abiti in un appartamento senza giardino, dovrai garantire a tuo cane almeno 3-4 uscite giornaliere, di cui almeno un paio più lunghe.
Se hai adottato un cucciolo, le uscite dovranno essere più brevi, ma molto più frequenti (anche7-8 al giorno).
Se hai una casa con giardino, in cui il cane può fare i suoi bisogni, dovrai comunque prevedere un paio di uscite al giorno, che avranno lo scopo di fare la giusta attività fisica e soddisfare il bisogno di esplorazione del tuo cane, oltre che consentirgli di socializzare correttamente con cani, persone, ambienti ecc

Cerca anche di osservare bene la comunicazione del tuo cane, per capire se e con quali cani è il caso di farlo interagire in sicurezza, e in quali contesti è più a suo agio o in difficoltà. Così potrai aiutarlo a fare le giuste esperienze, dimostrandoti una guida affidabile e il rapporto di fiducia tra voi crescerà sempre di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *